logo
    • 2021-06-10 00:00:00

    Sanofi Pasteur, Aifa autorizza l’uso del vaccino antinfluenzale ad alto dosaggio a partire dai 60 anni

    Il vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio di Sanofi Pasteur potrà essere utilizzato anche nella fascia 60-64 anni e non solo per gli over65. Lo annuncia l’azienda in una nota, dopo una recente determina dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) che ha autorizzato la nuova indicazione.

    Lo studio

    Alla base della decisione ci sono i risultati di uno studio clinico di fase 3, che ha coinvolto soggetti adulti di età pari o superiore a 60 anni, dimostrando la capacità del vaccino ad alto dosaggio di indurre una risposta immunitaria superiore rispetto a quella del vaccino a dose standard su tutti e quattro i ceppi. “Si tratta del primo studio di confronto – spiega l’azienda – tra la formulazione quadrivalente del vaccino ad alto dosaggio e quello a dose standard che sia stato condotto in Europa. Lo studio ha coinvolto anche due centri di ricerca in Italia”. Si tratta delle Università di Genova e Palermo. “Il vaccino quadrivalente ad alto dosaggio – sottolinea l’azienda – ha dimostrato una superiore immunogenicità rispetto al vaccino quadrivalente a dose standard, con un buon profilo di sicurezza e tollerabilità sia nella fascia d’età 60-64 che dai 65 anni in su”.

    Lo studio si aggiunge alle evidenze scientifiche già disponibili per il vaccino ad alto dosaggio, in uso negli Stati Uniti dalla stagione 2009-2010 e in Europa dalla stagione 2020-2021, che sono state recentemente riconosciute e valutate positivamente da autorità indipendenti come l’European center for disease control nel documento pubblicato ad ottobre 2020 e dal Comitato tecnico tedesco (Stiko) a novembre 2020.

    La prossima

    Il documento “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per stagione 2021-22” redatto dal ministero della Salute prevede che, nell’attuale contesto emergenziale, la vaccinazione antinfluenzale sia offerta gratuitamente anche a tutti i soggetti, indipendentemente dalla condizione di rischio, nella fascia d’età 60-64.  “Il vaccino ad alto dosaggio quindi, sia per numerosità e qualità delle evidenze scientifiche sia per ampiezza dell’indicazione d’uso, si conferma anche per la stagione 2021/22 un utile strumento di sanità pubblica per la prevenzione dell’influenza e del carico clinico e socioeconomico a essa associato”, conclude la nota di Sanofi Pasteur.