logo
    • 2022-06-14 00:00:00

    L’insonnia ha un impatto anche sulle emozioni, con ripercussioni negative sulla qualità di vita

    L’architettura del sonno è importante quindi per rielaborare i ricordi e l’attività emotiva associata. Motivo per cui non solo è importante dormire, ma è necessario farlo in maniera fisiologica rispettando il processo naturale essenziale del sonno. Il rischio altrimenti è di avere un impatto negativo anche sulla qualità di vita diurna, tanto che oggi si parla dell’insonnia come di disturbo delle 24 ore. “Le terapie per l’insonnia dovrebbero rispettare la struttura fisiologica del sonno o ripristinarla in modo tale che il sonno curi. Perché dormire è proprio una cura per tutte le attività della giornata, per le emozioni, per le attività cognitive” precisa Palagini. “Dobbiamo considerare il sonno come un continuum della veglia e viceversa, un qualcosa che è strettamente correlato”.


    Chiedere aiuto

    Purtroppo ancora troppo poco chi soffre di insonnia tende a chiedere aiuto al medico. La tendenza infatti come conferma l’esperta è quella di sopportare. Conclude Palagini: “Noi come esperti del settore dovremmo aiutare molto di più le persone con insonnia che spesso pensano non debba essere curata. Non so perché ma generalmente si tende a sopportare l’insonnia ad affrontarla da soli. Sono necessarie invece iniziative divulgative come questa, per spingere le persone che soffrono di insonnia a cercare aiuto e quindi a ricevere la giusta cura. Perché il sonno è importantissimo per il benessere fisico e mentale”.