logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2016-07-31 12:47:54

    Disabili costretti a slalom strade, un'App contro le barriere

    Disabili costretti a slalom strade, un'App contro le barriere

    Associazione Coscioni, disattesa legge contro discriminazioni

    29 luglio, 19:08

     

    ROMA - Marciapiedi dissestati o senza scivolo per farvi accedere una sedia a rotelle, ascensori non funzionanti, luoghi pubblici, come le questure, accessibili solo attraverso scalini. Roma non è un Paese per disabili e non lo sono neanche la maggior parte delle città italiane. Costrette quotidianamente ad affrontare un vero e proprio percorso a ostacoli però le persone con disabilità ora hanno un''arma' per segnalare le barriere architettoniche e ricevere aiuto per abbatterle. Dopo un periodo sperimentale, debutta ufficialmente la App "No-Barriere", iniziativa lanciata dall'Associazione Luca Coscioni, presentata oggi con una dimostrazione dal vivo, lungo un "percorso a ostacoli"ßnelle vie del centro storico della capitale. In Italia infatti è "quasi ovunque disattesa la Legge del 2006 per la tutela contro le discriminazioni", denuncia Marco Cappato, tesoriere dell'associazione.

    Scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet, per utenti Android e iOs, la App èßdedicata non solo ai tanti che ogni giorno fanno i conti in prima persona con gli ostacoli disseminati lungo le strade delle nostre città, ma anche a chiunque voglia attivarsi per contribuire a segnalare le barriere architettoniche. Basta scattare una foto, inserire una breve descrizione del problema e attivare la geolocalizzazione.

    La segnalazione viene automaticamente visualizzata online e permette di avere una mappatura delle 'anomalie'. Ma allo stesso tempo la notifica viene inviata all'associazione Luca Coscioni, che la valuta e fornisce indicazioni al cittadino su come denunciare la barriera al sindaco del comune di riferimento. "Se non se ne fa carico - spiega Rocco Berardo, dirigente dell'associazione - entro tempi ragionevoli, si può procedere per vie legali per rivendicare il proprio diritto a non essere discriminati".

    "Le pubbliche amministrazioni potrebbero adottare l'App perché consente un dialogo diretto con i cittadini e un modo per avere una percezione immediata dei problemi che incontrano", commenta il segretario dell'Associazione Luca CoscionißFilomena Gallo.(ANSA).

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA