logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2016-09-19 09:29:24

    Quasi 23mila medici 'a lezione' per parlare con pazienti

    Quasi 23mila medici 'a lezione' per parlare con pazienti

    Da Fnomceo un corso a distanza per migliorare relazione di cura

    16 settembre, 12:56

     

    Sempre più medici a lezione per imparare a parlare meglio con i pazienti. "Sono quasi 23mila, in un solo anno, quelli che hanno aderito al corso di formazione continua a distanza che abbiamo organizzato per far apprendere al meglio le tecniche comunicative col paziente e la sua famiglia". A spiegarlo all'ANSA è Roberta Chersevani, presidente della Federazione dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Fnomceo.

    Dialogo, empatia, scambio, relazione. Sono le chiavi di volta per migliorare la comunicazione tra medico e paziente, esigenza sempre più sentita dagli uni come dagli altri. A sancire che "il tempo di comunicazione è tempo di cura" è lo stesso codice deontologico medico. Non sempre però ci si riesce, a volte per mancanza di tempo, altre per mancanza di sensibilità, altre ancora per mancanza di tecniche. Quando invece avviene, le ricadute positive sono molte. "Una buona relazione aiuta a sviluppare un rapporto di fiducia tra medico e paziente - spiega Chersevani - e se il paziente si fida del medico è anche più predisposto a seguirne le indicazioni terapeutiche e meno incline a una relazione conflittuale, che può sfociare in un aumento anche delle denunce. In ultimo, una buona comunicazione riduce l'impatto della medicina difensiva che ha un costo altissimo per la sanità pubblica". Nello, specifico a giugno 2015 a giugno 2016, ben 22.700 medici hanno fatto il primo modulo del corso a distanza organizzato insieme al Ministero della Salute. 

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA