logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2017-02-28 18:51:25

    Morbillo, a gennaio un nuovo picco epidemico

    Regioni

    Morbillo, a gennaio un nuovo picco epidemico

    I dati del bollettino Morbillo&rosolia news dell'Istituto superiore di sanità (Iss) certificano nuovi casi in quindici regioni italiane. I focolai sono stati in tutto 238. Piemonte, Lombardia, Lazio e Toscana le aree più colpite

    di Redazione Aboutpharma Online 24 febbraio 2017

     

    Il morbillo torna a colpire. Nel mese di gennaio è stato registrato un nuovo picco epidemico, con un aumento dei casi rispetto ai mesi precedenti e a gennaio 2016. Sono stati segnalati infatti 238 casi in quindici regioni, di cui la maggior parte (83,2%) concentrati in Piemonte, Lombardia, Lazio e Toscana. Nessun caso di rosolia invece è stato segnalato lo scorso mese. A segnalarlo è il bollettino Morbillo&rosolia news dell’Istituto superiore di sanità (Iss). Per quanto riguarda il morbillo, i focolai di gennaio sono stati segnalati in ospedale, nelle scuole (incluso un asilo nido) e nelle famiglie. L’età media delle persone colpite è stata di ventisei anni, con un 24,8% di casi tra bambini con meno di cinque anni (di cui sedici bambini sotto l’anno di età). Il 46,7% è stato ricoverato e un ulteriore 12,6% è andato al Pronto soccorso. Il 27,3% ha avuto almeno una complicanza, tra cui stomatite, diarrea, cheratocongiuntivite, polmonite, otite, epatite, insufficienza respiratoria, encefalite e convulsioni. Dall’inizio del 2013 sono stati segnalati 5.312 casi di morbillo di cui 2.258 nel 2013, 1.696 nel 2014, 258 nel 2015, e 862 nel 2016. Prima di quest’ultimo picco, ce n’erano stati altri a gennaio e marzo 2014. Dal secondo semestre del 2014 avevano ripreso a calare per poi aumentare di nuovo da novembre 2015. Sulla rosolia il bollettino segnala che dall’inizio del 2013 sono stati segnalati 130 casi, di cui 65 nel 2013, 26 nel 2014, 15 nel 2015 e 24 nel 2016.