logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2018-04-04 19:01:19

    Farmacie francesi, cresce la paura della falsificazione dei farmaci

    Farmacie francesi, cresce la paura della falsificazione dei farmaci

    Un sondaggio dei distributori intermedi d’Oltralpe rivela la preoccupazione dei cittadini sui medicinali contraffatti e sulla diminuzione dei presidi rurali (una prospettiva che il 43% del campione teme “molto” e un altro 46% “abbastanza”)


    Vita dura per le farmacie francesi. Aumentano i casi di falsificazione dei farmaci e preoccupa parecchio la diminuzione dei presidi rurali. Lo rivela un sondaggio condotto dall’Ipsos su un campione rappresentativo di mille cittadini francesi, commissionato dalla Chambre syndicale de distribution pharmaceutical (Csrp), sigla dei distributori intermedi d’Oltralpe.

    La desertificazione delle campagne

    Nove francesi su dieci hanno paura di vedere le farmacie scomparire nelle zone rurali. Dalla rilevazione emerge infatti che ben l’89% degli intervistati teme il fenomeno della progressiva erosione della rete territoriale delle farmacie. Specialmente nelle aree di campagna. Una prospettiva che il 43% del campione teme “molto” e un altro 46% “abbastanza”.

    La falsificazione dei farmaci e la minaccia internet

    Dal sondaggio emergono però anche altre preoccupazioni. Una è l’aumento della vendita di farmaci falsi contraffatti, che preoccupa l’87% degli intervistati. Segue il timore, strettamente correlato, della vendita dei farmaci su internet, indicato dall’85% del campione. Quindi la paura che i farmaci oggetto di provvedimenti di ritiro da parte dell’autorità non sia completamente ritirati dal mercato (83%). Infine, il timore di possibili carenze di alcuni farmaci sul mercato (79%). Emerge, con molta chiarezza, il desiderio dei cittadini francesi di vedere preservato l’attuale capillare sistema di accesso alle medicine. Per il 62% di essi, lo Stato deve finanziare l’equilibrio economico della rete dei presidi territoriali di distribuzione farmaceutica, nella misura in cui ne fissa gli obblighi di servizio pubblico.