logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2018-04-11 12:28:18

    Nasce l’atlante del cancro da un lavoro dei ricercatori dei Nih

    Nasce l’atlante del cancro da un lavoro dei ricercatori dei Nih

    L'analisi genomica è stata condotta su un set di informazioni molecolari e cliniche provenienti da oltre 10.000 tumori che rappresentano 33 tipi di cancro: “Fornisce una comprensione senza precedenti di come, dove e perché i tumori si presentano negli esseri umani”.


    Il PanCancer Atlas ora è realtà. All’ atlante del cancro hanno lavorato per oltre dieci anni i ricercatori americani finanziati dai National Institutes of Health (Nih). Gli scienziati hanno completato un’analisi genomica dettagliata su un set di informazioni molecolari e cliniche provenienti da oltre 10.000 tumori che rappresentano 33 tipi di cancro. Un vero lavoro pioneristico come l’ha definito Francis S. Collins, direttore dei Nih: “L’analisi fornisce ai ricercatori oncologici una comprensione senza precedenti di come, dove e perché i tumori si presentano negli esseri umani, consentendo studi clinici mirati e aprendo la strada a nuovi trattamenti”.

    L’atlante

    Il PanCancer Atlas, pubblicato come una raccolta di 29 articoli in una serie su “Cell”, riassume il lavoro svolto dal Cancer Genome Atlas (Tcga), una collaborazione multicentrica avviata e supportata dal National Human Genome Research Institute e dal National Cancer Institute. Il programma, che vanta oltre 300 milioni di dollari di finanziamenti totali, ha coinvolto più di 150 ricercatori appartenenti a oltre due dozzine di istituzioni in tutto il Nord America.  “L’atlante – spiegano i ricercatori – è diviso in tre categorie principali, ciascuna dotata di un documento riassuntivo che sintetizza i risultati principali ottenuti. Gli argomenti principali includono la cellula di origine, i processi oncogeni e le vie oncogeniche”.

    Un progetto ambizioso

    “Si tratta del primo progetto di queste dimensioni a caratterizzare a livello molecolare il cancro attraverso una vasta gamma di tipi tumorali”, spiega Carolyn Hutter, a capo del Tcga. “All’inizio del progetto, dieci anni fa, non era nemmeno possibilefare questo tipo di caratterizzazioni e analisi, tantomeno su questa scala. Si trattava di un progetto già alla nascita ‘estremamente ambizioso’”. “PanCancer Atlas integra gli oltre 30 documenti specifici sul tumore pubblicati dal Tcga nell’ultimo decennio – aggiunge Jean Claude Zenklusen, direttore del Tcga Program Office al Nci – e amplia il precedente lavoro pubblicato nel 2013”.

    Trattamenti più specifici

    Oltre al sequenziamento del genoma del cancro, il progetto si è concentrato anche su diversi tipi di analisi dei dati. A iniziare dallo studio dei profili di espressione genica e proteica, fino all’associazione con dati clinici e imaging. I risultati ottenuti nel corso degli studi suggeriscono che i tipi di tumore si raggruppano in base alle loro possibili cellule di origine. Un risultato che aumenta la nostra comprensione di come il tessuto d’origine influenzi le caratteristiche del cancro. Il che potrebbe portare a trattamenti più specifici. Inoltre, i dati sull’interazione tra tumore e cellule immunitarie aiuteranno a dare priorità allo sviluppo di nuovi trattamenti e immunoterapie per una vasta gamma di tumori, confidano i ricercatori.