logo
EMA-ROMA su facebook
    • 2019-02-15 21:12:01

    Plasma per farmaci salvavita: in Italia aumentano le donazioni

    Nel 2018, secondo il Centro nazionale sangue, sono stati raccolti 840 mila chilogrammi, 4 mila in più rispetto all’anno precedente. Si avvicina l’obiettivo dell’autosufficienza dal mercato nordamericano. Le associazioni: “Ancora un piccolo sforzo”


    Nel 2018 è cresciuta in Italia la raccolta di plasma, fondamentale per la produzioni di farmaci salvavita. Sono stati raccolti 840 mila chilogrammi, circa 4 mila in più rispetto al 2017. Un dato in linea con gli obiettivi del Programma nazionale plasma, che prevede il raggiungimento dell’autosufficienza dal mercato nordamericano entro il 2010. A darne notizia è una nota del Centro nazionale sangue (Cns) dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

    La raccolta di plasma nelle Regioni

    Quasi tutte le Regioni nel 2018 hanno rispettato gli obiettivi del Programma nazionale plasma, con Marche e Sicilia che hanno superato la soglia prevista. Soltanto il Molise ha raccolto meno dell’80% di quanto programmato. Le Regioni in cui si dona più plasma sono le Marche, il Friuli Venezia Giulia e la Val D’Aosta, che sfiorano o superano i 20 chilogrammi ogni mille abitanti. Più distanti dagli obiettivi, invece la Campania, la Calabria e il Lazio, con le ultime due che però hanno aumentato la raccolta in linea con le richieste.

    Il traguardo dell’autosufficienza

    “I risultati ottenuti dal sistema italiano, che a differenza di quelli di paesi come Usa e Germania anche per il plasma si basa sulla donazione totalmente volontaria e non remunerata, sono notevoli, e ci permettono di garantire più del 70% del fabbisogno per tutti i plasmaderivati necessari ai pazienti italiani”, commenta Giancarlo Maria Liumbruno, direttore del Cns. Ma c’è ancora da fare: “Per arrivare agli obiettivi del Piano – spiega Liumbruno – dovremmo aumentare la raccolta di circa 20mila chilogrammi entro il 2020, uno sforzo che è alla portata del sistema sangue italiano. Basti pensare che i nostri risultati sono ottenuti con 2,1 donazioni di plasma in media l’anno per ogni donatore che effettua questo tipo di donazioni, una cifra largamente inferiore a quella di altri paesi. Per raggiungere i 20 mila chilogrammi in più basterebbe che ogni in centro di raccolta si facessero tre donazioni di plasma in più ogni settimana”. Il Cns, il Civis (coordinamento delle associazioni dei donatori) e l’Associazione Italiana immunodeficienze primitive (Aip onlus), per i cui pazienti i farmaci plasmaderivati sono salvavita, chiedono quindi “un piccolo sforzo” da parte di tutti.